Stupro

Stupro

Negli ultimi anni sui giornali incontriamo notizie di stupri e molestie con crescente frequenza. Sebbene queste notizie possano riguardare incidenti tra adulti, potrebbero anche riguardare crimini di molestie e stupro commessi da adulti contro bambini, o addirittura bambini contro bambini. L'immagine dello stupratore nella nostra mente si sovrappone ai personaggi brutali e psicopatici dei vecchi film turchi. Tuttavia, contrariamente alla credenza popolare, la maggior parte degli stupratori sono persone dall’aspetto normale che non sospetteremmo mai a prima vista. E ancora, contrariamente alla credenza popolare, secondo una ricerca condotta all'estero e soprattutto negli Stati Uniti, fino all'85% delle persone violentate e molestate conosce già lo stupratore o il molestatore.

 

Stupro e più della metà di coloro che subiscono tentate molestie vengono aggrediti da qualcuno che hanno incontrato e con cui sono usciti. Mentre questi attacchi sono, in alcuni casi, sferrati da persone che si sono appena incontrate e hanno avuto l'opportunità di conoscerle solo in ambienti limitati, una parte significativa di essi viene effettuata da persone nella loro cerchia di affari, amici e parenti. . Un altro punto degno di nota è che un numero significativo di stupratori sente il bisogno di registrare lo stupro con la telecamera o addirittura di condividerlo su Internet e media simili.

Una parte significativa di uomini che tentano lo stupro (raramente incontriamo donne azioni contro uomini e bambini) (lo escludiamo dall'ambito di questo articolo) ritiene che la sua azione non sia stata uno stupro o una molestia. Sostengono che non devono fornire ogni volta il consenso dell'altra parte, citando la loro precedente conoscenza, intimità e condivisione con la persona con cui hanno una relazione, o precedenti esperienze sessuali consensuali.

 

Inghilterra. Anche in una cultura avanzata e moderna come questa, quando alle persone viene chiesto il loro parere su un episodio di stupro, circa una persona su tre afferma di provare "prurito" per l'incidente che si trova ad affrontare, perché si "irritano", in termini colloquiali, per motivi quali il comportamento e il comportamento della donna, il suo abbigliamento, l'eccessiva ubriachezza e sottolineano che la donna è responsabile dello stupro, affermando che se lo meritava. Tutta questa condizione In questi momenti, non è possibile per la vittima affrontare la realtà che sta vivendo e valutare l'evento che sta vivendo in modo razionale e con giuste emozioni.

 

Se la persona che violenta o molesta è il superiore o il datore di lavoro della vittima, se tra loro esiste un rapporto di autorità la situazione diventa ancora peggiore. Dato che esiste un rapporto stretto basato sulla fiducia e ci sono rischi legati al lavoro e alla carriera, la vittima ha molte più difficoltà a proteggersi. Se questo tentativo diventa oggetto di denuncia, la vittima vivrà come un grande shock il rischio di essere ascoltata da colleghi, coniugi e parenti e altre preoccupazioni correlate. Se non è stato preparato psicologicamente in precedenza a una simile possibilità, gli sarà quasi impossibile valutare immediatamente e con precisione la situazione che si troverà ad affrontare a causa di questo shock e fare gli sforzi necessari per proteggersi. La situazione diventa ancora più difficile da gestire quando l'aggressore è un parente (ad esempio un cognato), un amico intimo del coniuge o il coniuge di un amico intimo. Se la vittima si trova in uno stato di deprivazione sessuale per vari motivi, se si rende conto o sospetta di provare piacere sessuale durante l'aggressione, non le è più possibile perdonarsi e accettare la propria innocenza.

 

La donna vittima di stupro prova dolore, perché non riesce a far fronte ai suoi sentimenti di vergogna e senso di colpa, si considera responsabile dello stupro e il 95% delle volte non lo fa nemmeno presentare un reclamo. Un terzo delle donne in questa situazione considera il suicidio un mezzo per punirsi e compensare la propria colpa. Negli ultimi anni sui giornali britannici è apparsa una notizia scioccante. Un uomo britannico è stato arrestato in seguito alla denuncia di una donna che aveva violentato e, man mano che le indagini procedevano, è emerso che quest'uomo aveva violentato più di 1.000 donne negli ultimi due anni. Per vari motivi, nessuna delle donne aveva presentato denuncia alle autorità giudiziarie.

 

Quando le vittime di stupro e molestie sono bambini, non adulti, diventa più difficile risarcire per la distruzione e guarire le ferite. Molti bambini affrontano questi attacchi in un’età in cui non hanno ancora la comprensione e la maturità per comprendere la gravità e il significato dell’evento che stanno vivendo. e a differenza degli adulti, sono costretti a vivere questi traumi ripetutamente per lunghi periodi di tempo. I bambini un po’ più grandicelli che hanno un’idea semiaperta e semicoperta della gravità e del significato dell’evento che stanno vivendo non riescono a spiegare la situazione che stanno vivendo alle loro famiglie e ai parenti, né perché sono minacciati, né perché credono che saranno puniti se l'incidente verrà rivelato. Quando si tratta di casi di incesto, in alcuni casi vengono ignorati o nascosti dalle madri o dalle famiglie.

 

Molti bambini lottano per affrontare e far fronte al trauma e alle emozioni traumatiche dei loro figli. esperienze in età avanzata. Proprio come odiano se stessi per aver dovuto provare una tale vergogna, odiano anche i loro genitori per non essersi resi conto di quello che stavano passando e per non averli protetti, e hanno difficoltà a perdonarli. Le molestie influiscono sulle scelte del compagno delle ragazze, spesso inducendole a scegliere partner sbagliati con cui non possono avere un attaccamento sicuro. Molti di loro potrebbero non avere matrimoni regolari e stabili, oppure potrebbero non sposarsi affatto e non poter scegliere un coniuge. Potrebbero dover mantenere una relazione problematica e malsana con i loro mariti e padri. I ragazzi possono avere problemi con l’identità sessuale. Poiché le loro energie maschili vengono soppresse, hanno difficoltà a creare e sviluppare la loro identità maschile.

 

Esistono molte ricerche e studi sulla natura dello stupro e sulla struttura della personalità dello stupratore , soprattutto negli Stati Uniti e in altri paesi sviluppati. Ci sono anche tra noi stupratori che non sono riusciti a completare lo sviluppo della loro personalità per vari motivi, hanno sviluppato una personalità patologica, e quindi non possono prodursi in modo integrale e complementare nella società, non possono stabilire relazioni armoniose e naturali con il loro ambiente sociale , e non possono vivere la propria identità maschile all'interno delle normali relazioni sociali. Senza eccezione, vengono allevati da genitori rispettabili e ben intenzionati. A questo punto è davvero necessario riflettere molto. È chiaro che dobbiamo essere una società sana per poter crescere individui e adulti sani.

 

Lo stupro è definito come "trascinare una persona in un rapporto sessuale senza la sua consenso volontario e consapevole." può essere interpretato. In altre parole; L'eliminazione del diritto di una persona a dire no ad un rapporto sessuale, sia con l'uso della forza o con minacce, sia con l'uso di alcol, stupefacenti o sostanze simili, è sufficiente affinché l'episodio possa essere definito stupro. Se la persona con cui avviene il rapporto sessuale ha un disturbo mentale o un ritardo che elimina la capacità di prendere decisioni corrette e razionali, o ha meno dell'età del consenso, anche il rapporto sessuale con questa persona è definito stupro. Anche se questa azione viene commessa contro il coniuge, il risultato non cambia.

 

leggi: 0