Sensibilità ai solfiti

Se le persone affette da asma e con una storia di allergie che dura da molti anni, così come quelle che sono spesso esposte ai pregiudizi di "stomaco sensibile", sviluppano mancanza di respiro durante i pasti, eruzioni cutanee sul viso o improvvisi crampi addominali e conseguenti attacchi di diarrea, potrebbero essere stati accidentalmente esposti a uno degli agenti scatenanti contenuti nell'alimento.È necessario riflettere. Ma capire quale sia il fattore scatenante può essere difficile. Se è così, dovremmo considerare la possibilità di sensibilità ai solfiti

COS'È LA SENSIBILITÀ AI SOLFITI?

Gli additivi alimentari vengono utilizzati per aumentare la durata di conservazione degli alimenti e prevenirne il deterioramento. Gli additivi alimentari vengono aggiunti agli alimenti per aumentarne la durata o per conferire loro il gusto, la consistenza o il colore desiderati. Gli additivi aggiunti ai prodotti alimentari sono etichettati con il proprio nome o con il codice ̎E ̎ assegnato loro dai paesi europei. I conservanti alimentari (codici E 200 - 299) inseriti negli alimenti sono riportati sulle etichette. Il numero di conservanti e additivi alimentari aumenta di giorno in giorno, uno di questi sono i composti solfiti.

I solfiti contenuti nei conservanti alimentari si trovano naturalmente in alcuni frutti e verdure o possono essere aggiunti ad alcuni alimenti come additivi del cibo. Sebbene rari, alcune persone (secondo la FDA, circa 1 persona su 100 negli Stati Uniti) sono sensibili a questi composti.

I solfiti sono talvolta usati come conservanti nelle bevande, negli alimenti e talvolta nei medicinali. Le reazioni dovute ai solfiti possono verificarsi con sintomi di intolleranza alimentare o possono aumentare i sintomi dell'asma a causa dell'asma sottostante. Oltre a ciò, a volte può causare reazioni simili alla rinite allergica (raffreddore da fieno), a volte disturbi cutanei come orticaria (orticaria) e dermatite da contatto e, in casi molto rari, può causare reazioni pericolose per la vita come anafilassi (grave reazione allergica). reazioni).

Contiene solfiti. Il disturbo più comune quando si assumono alimenti è la comparsa di sintomi di respiro sibilante nei pazienti asmatici o la comparsa di sintomi di asma in persone che non hanno mai avuto disturbi d'asma in precedenza.

COSA È IL SOLFITO?

Il solfito, se usato come additivo alimentare, bisolfito di sodio o di potassio, zolla Lo definisce con nomi come yum ovvero solfuro di potassio e anidride solforosa. I solfiti, utilizzati da molti anni, vengono utilizzati principalmente per preservare il sapore e il colore degli alimenti, per prevenire la proliferazione di batteri, per ridurre il deterioramento, per evitare che gli alimenti freschi scoloriscano, si macchino o diventino marroni, nonché per aiutare preservare i medicinali e prolungarne la durata.

I solfiti, che aiutano a conservare il cibo e i medicinali, rilasciano quindi il principio attivo anidride solforosa ed è stato osservato che questo composto risultante può causare il restringimento dei bronchi nei polmoni.

L'esposizione professionale al biossido di zolfo (SO2) è più comune nel raffreddamento e nella disinfezione con vapore, ad esempio in settori quali l'estrazione mineraria, la raffinazione dello zucchero, lo sbiancamento della lana e la produzione di carta. L'esposizione all'anidride solforosa (SO2) provoca irritazione agli occhi e alla mucosa nasale nei lavoratori di questi e simili settori di lavoro. È stato osservato che provoca seri problemi alle vie aeree, al tessuto del parenchima polmonare e al sistema vascolare in caso di contatto con elevate concentrazioni.

Il gas di anidride solforosa (SO2) ha dimostrato in molti studi di avere proprietà irritanti . Esistono studi che dimostrano che il gas di anidride solforosa nelle vie aeree modifica il pH acido nei bronchi, stimolando il riflesso colinergico e provocando una contrazione riflessa. La rapida insorgenza dei sintomi con l'ingestione di alimenti liquidi come succhi di frutta, birra o vino indica che durante il processo di deglutizione viene rilasciato gas di anidride solforosa (SO2).

In alcune persone con asma che reagiscono ai solfiti , il solfito è l'enzima che aiuta a scomporre l'anidride solforosa. Vi è una parziale carenza di ossidasi. La mancanza di questo enzima sembra causare danni perché l'eliminazione dell'anidride solforosa è lenta.

I solfiti hanno un ruolo utile nell'aiutare a conservare molti alimenti e bevande. Nella maggior parte dei paesi, è consentita l'aggiunta di solfiti ad alcuni alimenti, come birra e vino.

Di seguito sono riportati gli alimenti in cui siamo più frequentemente esposti ai solfiti.

In Bevande Liquori, alcuni succhi di frutta e tè solubile contengono solfiti. I solfiti vengono utilizzati nella produzione della birra e per evitare che il vino si trasformi in aceto. usato per k; Molti vini riportano la frase "contiene solfiti" sull'etichetta.

Bevande come birra e vino contengono solfiti naturali, ma alcuni produttori aggiungono solfiti per controllare la fermentazione. Tra i vini, i vini rossi non contengono più solfiti del vino bianco; Sia i vini bianchi che quelli rossi contengono solfiti. Molti vini bianchi dolci contengono più conservanti dei rossi perché i vini dolci contengono più zucchero. I solfiti impediscono la fermentazione dello zucchero. Pertanto, la sensibilità ai solfiti dovrebbe essere presa in considerazione nei pazienti che lamentano disturbi dopo aver bevuto birra o vino.

Altri liquidi sono inclusi negli alimenti e nei prodotti commerciali con una lunga durata di conservazione, come succo di limone, aceto, uva succhi.

Alimenti pronti purè di patate e alimenti contenenti purè di patate, frutta o verdura in scatola, sciroppi e salse di frutta, condimenti per insalata o salse di frutta, ciliegie, cetrioli sottaceto , sciroppo d'acero, marmellata, biscotti, pane o impasto per torte o pizza.

La frutta secca, in particolare le albicocche secche e talvolta l'uvetta, contengono solfiti.

A volte i solfiti vengono aggiunti alle insalate dei ristoranti e macedonie per preservarne il colore.

>

Può essere aggiunto alla carne e ai prodotti a base di carne, in particolare salsicce e alimenti trasformati.

I solfiti si trovano naturalmente in alcuni alimenti, il che rappresenta un ulteriore sfida per le persone sensibili. Arachidi, uova, tè nero, aceto e altri alimenti fermentati contengono naturalmente solfiti. Anche fragole, more, prugne, noci di cocco e altri frutti contengono quantità variabili di solfiti naturali. Il solfito contenuto in questi alimenti può essere presente in piccole quantità, ma se consumato in quantità eccessive può causare disturbi.

QUALI SONO I SINTOMI DELLA SENSIBILITÀ AI SOLFITI?

I sintomi che si verificano a causa di La sensibilità ai solfiti è considerata un'allergia, ma la sensibilità ai solfiti è diversa dall'allergia. Nelle allergie alimentari, gli anticorpi IgE si sviluppano contro le proteine ​​presenti negli alimenti e quindi si sviluppa una reazione allergica attraverso questi anticorpi, mentre il solfito di solito causa reazioni non mediate dalle IgE. Chimicamente, è un sale di acido solforico e il gas di anidride solforosa (SO2) che si forma è noto che causa disturbi d'asma. Sensibilità ai solfiti nei pazienti con asma Il rischio di sviluppare � è maggiore.

Molto raramente, in alcune persone è stato riscontrato un test cutaneo positivo al solfito, che indica una vera allergia (IgE-mediata).

I sintomi della sensibilità ai solfiti compaiono solitamente 15-30 minuti dopo il pasto. Iniziano e si osservano sintomi simili all'asma come mancanza di respiro e respiro sibilante, eruzioni cutanee orticarioidi come arrossamento della pelle, gonfiore del viso o disturbi legati al sistema digestivo.

Relazioni come respiro sibilante, senso di costrizione toracica e tosse sono i sintomi più comuni dopo l'ingestione di solfiti e si stima che colpiscano dal 5 al 10% delle persone con asma. Questi disturbi sono più probabili nei pazienti con un controllo inadeguato dell’asma. È stato riscontrato che la sensibilità ai solfiti si manifesta più frequentemente nei pazienti con asma steroido-dipendente. Tuttavia, reazioni avverse ai solfiti possono verificarsi anche in persone senza precedenti di asma.

È stata descritta anafilassi dovuta ai solfiti, ma è molto rara. I sintomi includono vampate di calore in tutto il corpo, aumento del ritmo cardiaco, respiro sibilante, orticaria, vertigini, disturbi di stomaco e diarrea, perdita di coscienza e difficoltà a deglutire. Le persone con tali disturbi dovrebbero portare con sé un iniettore di adrenalina.

Altri disturbi legati ai solfiti includono nausea, indigestione, dolore addominale, diarrea, costipazione e vomito, mentre si osservano eruzioni cutanee o arrossamenti, prurito e gonfiore. il sistema digestivo o può causare orticaria. Negli studi sulla frequenza delle reazioni cutanee ai solfiti, è stato riportato che questi additivi aumentano la sensibilità della pelle se usati all'1-5%. Sono state segnalate reazioni cutanee indesiderate dopo l'esposizione a sostanze solfite, soprattutto durante l'uso di cosmetici come creme cosmetiche per il viso, tinture per capelli e lozioni abbronzanti.

COME VIENE DIAGNOSTICATA LA SENSIBILITÀ AI SOLFITI?

Dopo il contatto con prodotti contenenti solfiti A volte si presentano sintomi che non riusciamo a comprendere, ma che possono essere rivelati se prestiamo attenzione. È noto che i solfiti non solo aumentano i disturbi d'asma, causano eruzioni cutanee orticarioidi e disturbi di stomaco, ma possono anche causare shock anafilattico. È necessario tenerlo presente e diagnosticarlo.

Non esiste un test affidabile per diagnosticare la sensibilità ai solfiti e quindi il test cutaneo non è applicabile. Poiché la maggior parte delle reazioni correlate ai solfiti non si sviluppa attraverso le IgE, i prick test cutanei non vengono utilizzati per effettuare una diagnosi definitiva.

I patch test possono essere eseguiti in pazienti con disturbi simili a dermatiti da contatto dovuti al contatto con solfito. Si possono osservare reazioni cutanee causate da prodotti contenenti solfiti.

I test di provocazione orale possono essere utilizzati per diagnosticare la sensibilità ai solfiti, ma si raccomanda che questi test vengano eseguiti da allergologi poiché potrebbero causare disturbi di shock anafilattico.

Tra i test eseguiti sul sangue, i test di screening come le IgE specifiche non vengono utilizzati per dimostrare la sensibilità ai solfiti, ma la sensibilità ai solfiti può essere rilevata con test di attivazione dei basofili eseguiti sul sangue. I test di attivazione dei basofili possono essere utili nella diagnosi di pazienti valutati da allergologi e considerati sensibili ai solfiti e le reazioni correlate ai solfiti possono essere chiarite valutandole insieme ad altri test.

COME È IL TRATTAMENTO DELLA SENSIBILITÀ AI SOLFITI?

Quando viene diagnosticata la sensibilità ai solfiti, è estremamente importante stare lontano dagli alimenti contenenti solfiti. Poiché i prodotti trasformati possono contenere elevate quantità di solfito, è necessario fare attenzione e non utilizzare tali prodotti se è scritto sulle etichette.

Non esiste un trattamento provato come la desensibilizzazione o l'immunoterapia per ridurre la gravità della sensibilità ai solfiti.

Solfiti: per i sintomi dell'asma relativamente lievi, come un lieve respiro sibilante che si verifica con il consumo di alimenti contenenti cibo, i pazienti devono portare con sé farmaci per alleviare i sintomi utilizzati nell'asma. Coloro che hanno reazioni più gravi dovute ai solfiti dovrebbero ricevere una formazione sull'uso degli autoiniettori di adrenalina utilizzati nel trattamento dell'anafilassi e portarli con sé.


IN CONCLUSIONE

I solfiti si trovano talvolta nelle bevande e negli alimenti. Viene utilizzato per prevenirne il deterioramento e talvolta come conservante nei farmaci.

I sintomi derivanti dalla sensibilità ai solfiti fanno pensare ad un'allergia, ma la sensibilità ai solfiti è diversa dall'allergia.

leggi: 0