EFFETTI DEL FUMO DEI GENITORI SUI BAMBINI

L'esposizione dei non fumatori al fumo delle sigarette altrui si chiama "fumo passivo". I fumatori passivi sono esposti al fumo dei fumatori e inalano tutte le sostanze nocive presenti in questo fumo, e anche se queste persone negli ambienti fumatori non fumano, ne risentono tanto quanto i fumatori. Le sostanze nocive diffuse nell'ambiente dal fumo di sigaretta vengono assorbite nel sangue sia attraverso la respirazione che attraverso la pelle.

Nel fumo passivo la persona è esposta al fumo della sigaretta accesa e al fumo esalato dalla fumatore. Ci sono più di 4000 sostanze chimiche in questo fumo, almeno 43 delle quali hanno proprietà cancerogene. Poiché il fumo di una sigaretta accesa non viene filtrato, contiene il doppio di catrame e nicotina rispetto a ciò che il fumatore inala attraverso il filtro nei polmoni.

Gli effetti del fumo passivo sui bambini sono molto drammatici. Il 70% dei bambini che vivono negli Stati Uniti hanno in casa almeno un fumatore adulto. Il tasso di fumo passivo tra i bambini nel nostro Paese si aggira intorno al 75%. Ogni anno 1500 bambini tra 0 e 5 anni muoiono perché i loro genitori fumano. I bambini i cui genitori fumano sono esposti alle sostanze nocive contenute nelle sigarette come se fumassero loro stessi dai 3 ai 70 pacchetti di sigarette all'anno.

Le persone che non fumano possono essere colpite dal fumo che permea i capelli del fumatore, pelle e vestiti, anche se non fumano accanto a loro. Quando fumi in una stanza della casa, il fumo di sigaretta si diffonde in tutta la casa in pochi minuti. Permea tutte le superfici come tappeti, pareti e mobili e si diffonde nuovamente nell'aria in pochi giorni.

Gravidanza e fumo

L'esposizione al fumo di sigaretta passivo nell'utero prima della nascita influisce negativamente sul la salute del bambino, come il fumo attivo. . Il rischio di dare alla luce un bambino con basso peso alla nascita è 2 volte maggiore nelle donne incinte che non fumano e sono esposte al fumo passivo per 7 ore o più al giorno, che poi passa al bambino attraverso il latte. Gli studi hanno dimostrato che il fumo influisce negativamente sulla formazione strutturale e sulle funzioni del sistema respiratorio nell'utero.

A causa delle forti proprietà vasocostrittrici della nicotina contenuta nelle sigarette, provoca danni ai vasi sanguigni e al cordone ombelicale che trasportano sangue pulito nell'utero della madre. Provoca una costrizione nei vasi che trasportano nutrienti e ossigeno al feto e i nutrienti e l'ossigeno necessari per lo sviluppo del bambino non possono raggiungere il feto in quantità sufficienti. Il monossido di carbonio, che passa al bambino attraverso il sangue, si trova nel sangue fetale in una percentuale superiore del 15% rispetto a quella materna e si lega al posto dell'ossigeno nel sangue, riducendo l'apporto di ossigeno ai tessuti del feto. feto in via di sviluppo. Di conseguenza, il bambino non può svilupparsi adeguatamente, rimane piccolo, ha un basso peso alla nascita ed è più basso di altezza. La madre può avere un aborto spontaneo o un parto prematuro. I bambini di madri fumatrici nascono solitamente 200-250 grammi più leggeri e 1 cm più bassi. Il fumo durante la gravidanza è responsabile del 14% delle nascite premature e del 10% di tutte le morti infantili.

La nicotina e i suoi metaboliti passano anche nel latte materno. A causa dell'effetto della nicotina sul sistema ormonale della madre o direttamente sui flussi sanguigni che allattano il seno, la quantità di latte diminuisce e le madri che fumano generalmente hanno meno latte.

Quando la madre fuma attivamente o si espone al fumo passivo, i cromosomi vengono danneggiati e nasce un neonato e possono verificarsi numerose anomalie congenite. Il fumo provoca un aumento di alcune anomalie congenite come la palatoschisi, il labbro leporino e le malattie delle valvole cardiache.

Morte improvvisa infantile e apnea ostruttiva

Sindrome della morte improvvisa infantile (SIDS). ) è una condizione che si ritiene sia correlata al restringimento delle vie aeree o all'apnea ostruttiva (apnea ostruttiva), la cui causa è sconosciuta e molti fattori sono stati studiati come causa. L'esposizione al fumo di sigaretta è una delle cause prevenibili note di SIDS.

Effetti dell'esposizione al fumo di sigaretta sulle malattie del sistema respiratorio

Le malattie respiratorie raggiungono il 70% nei bambini affetti da entrambi i genitori fumano. Gli studi hanno rilevato che il tasso di ospedalizzazione per polmonite e bronchite nei bambini di madri non fumatrici è del 9% e del 31% nei bambini di madri che fumano più di un pacchetto di sigarette al giorno. Molti studi hanno dimostrato che il fumo passivo aumenta la frequenza di malattie respiratorie acute (bronchiti, polmoniti, laringiti), soprattutto nei primi 2 anni di età. I figli di genitori che fumano mezzo pacchetto o più di sigarette al giorno hanno il doppio delle probabilità di essere ricoverati in ospedale per qualsiasi malattia respiratoria. Fumo di sigaretta; Allevia gli attacchi di sinusite, rinite, fibrosi cistica e bronchite si sposa. Aumenta inoltre la frequenza di raffreddori e mal di gola nei bambini.

Effetti dell'esposizione al fumo di sigaretta sui test di funzionalità respiratoria

La capacità polmonare dei bambini esposti al fumo è causata dal fumo superiore a Il consumo di 20 sigarette al giorno nelle loro case diminuisce, è stato dimostrato che è inferiore del 2,5% rispetto ai bambini i cui genitori non fumano. Inoltre, è stato accertato che in questi bambini è più comune la sensibilità delle vie aeree, chiamata anche sensibilità bronchiale, il che apre la strada allo sviluppo dell'asma. Si afferma che la diminuzione dello sviluppo polmonare è la base perché queste persone sviluppino asma o BPCO in età avanzata.

Gli effetti dell'esposizione al fumo di sigaretta sullo sviluppo di asma e allergie

Nel nostro paese si osserva che circa il quindici per cento dei bambini soffre di asma. Numerosi studi dimostrano che l’esposizione al fumo di sigaretta nel grembo materno e dopo la nascita ha effetti sullo sviluppo dell’asma nei neonati e nei bambini. Il rischio di sviluppare asma nei bambini di madri che fumano durante la gravidanza è 4 volte superiore nel primo anno.

L'esposizione al fumo delle sigarette dei genitori aumenta sia la frequenza che la gravità dell'asma infantile. È stato accertato che i bambini asmatici che vivono in case dove il fumo ha attacchi più frequenti e vanno al pronto soccorso.

Inoltre, gli studi hanno scoperto che i bambini le cui famiglie fumano hanno un rischio maggiore di allergie, come eczema, orticaria (orticaria) e allergie alimentari. È stato affermato che i sintomi allergici sono 4 volte più comuni.

Gli effetti dell'esposizione al fumo di sigaretta sullo sviluppo dell'infezione dell'orecchio medio

È stato stabilito che le infezioni dell'orecchio medio sono più comuni nei bambini i cui genitori fumano.

Rischio di cancro e fumo nei bambini

Gli studi dimostrano che il fumo dei genitori, soprattutto della madre fumare durante la gravidanza aumenta il rischio di tumori cerebrali e rabdomiosarcoma nel bambino e che l'esposizione al fumo di sigaretta durante l'infanzia aumenta il rischio di leucemia. Sono stati pubblicati anche studi che riportano che il fumo passivo durante l'infanzia rappresenta un rischio per l'insorgenza di malattie maligne come la leucemia e il linfoma in età adulta.

Obesità nei bambini R Fumo e fumo

I figli di madri che fumano durante la gravidanza hanno 3 volte più probabilità di diventare obesi nel corso della vita.

Il fumo e lo sviluppo psichico del bambino

Prenatale I bambini esposti al fumo presentano disabilità dello sviluppo intellettuale come iperattività, deficit di attenzione e difficoltà nell'apprendimento dell'ortografia, della lettura e problemi di matematica. Questi bambini hanno più problemi a gestire lo stress, aumenta il rischio di andare incontro a psicosi durante l'adolescenza, dormono meno, respirano più frequentemente, spesso hanno problemi di alimentazione, sudano di più e hanno più spesso la febbre.

Cosa pensano i bambini dicono i genitori Diversi studi hanno dimostrato che i bambini i cui genitori fumano iniziano a fumare in tenera età, pensando che fumare sia un comportamento normale. Oggi l’età per iniziare a fumare nel mondo è 10-12 anni. Ogni giorno circa 5.000 bambini iniziano a fumare.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che l'iniziativa più importante che un fumatore può intraprendere per la propria salute è smettere di fumare. A nostro avviso, smettere di fumare è l'iniziativa più importante che una persona deve intraprendere per la propria salute e, soprattutto, affinché i suoi figli crescano come individui sani e non fumatori. Per questo motivo raccomandiamo a tutti i fumatori, in particolare ai genitori, di attivarsi per smettere di fumare e di agire con la consapevolezza che il fumo oscura il futuro loro e dei loro figli.

leggi: 0