Come inizia e continua la malattia di Alzheimer?

70 pazienti su 100 affetti da demenza sono dovuti al morbo di Alzheimer.;

L'esordio più comune è l'oblio. Questa dimenticanza è insidiosa e ha un esordio lento. I pazienti possono iniziare a porre le stesse domande più e più volte. Potrebbero percepire un evento appena vissuto come se non fosse mai accaduto.

L'assegnazione del luogo e del tempo viene interrotta. Non essere in grado di rispondere a domande come in che anno siamo, in quale mese siamo, in che giorno siamo e può iniziare a fare domande frequentemente. Potrebbero iniziare a confondere luoghi e percorsi che conoscono molto bene. Potrebbero esserci difficoltà nel trovare parole usate di frequente, pause improvvise nel parlare e difficoltà nel comprendere frasi complesse.

Possono verificarsi cambiamenti di personalità. Si può osservare, ad esempio, che una persona molto calma comincia ad arrabbiarsi rapidamente, oppure che una persona nota per essere arrabbiata diventa sempre più calma e riservata.

Nei malati di Alzheimer le funzioni della vita quotidiana sono compromesse. Le prime cose ad andare storte sono quelle più complicate. Se il paziente lavora, ci saranno interruzioni nella sua vita lavorativa. Si dimentica quello che ha fatto il giorno prima. Potrebbe verificarsi un deterioramento dei conti monetari e l’incapacità di valutare concetti come il valore del denaro. La persona inizia a non essere in grado di scegliere cosa indossare in modo appropriato. Anche se in passato esisteva un’armonia dei colori, questa può essere interrotta dalla malattia. Il paziente può ridurre la frequenza del bagno.

Nei pazienti con Alzheimer possono verificarsi fissazioni, conversazioni accusatorie e ossessioni. Ad esempio, quando non riesce a ricordare dove sono le sue cose e le dimentica, potrebbe dire: "Hai rubato le mie cose o i miei soldi".

Potrebbero affermare di vedere e sentire cose che non esistono.

Potrebbe esserci irritabilità. Generalmente, nei pazienti affetti da Alzheimer, l'irritabilità avviene attraverso i confronti. I familiari o gli operatori sanitari non dovrebbero contraddire i pazienti e l'argomento dovrebbe essere cambiato in modo pratico.

Potrebbero diventare irrequieti e diventare eccessivamente dipendenti dai loro parenti. Ad esempio, potrebbero voler seguire il coniuge o un parente anche se vanno in bagno.

Hanno difficoltà ad addormentarsi. Il loro sonno viene spesso interrotto e possono vagare per casa senza meta.

Nelle fasi avanzate della malattia di Alzheimer, la deambulazione diventa compromessa e diventano incapaci di muoversi da soli. Innanzitutto si verifica l'incontinenza urinaria e, col tempo, si verifica anche l'incontinenza fecale. Il paziente è costretto a letto solo nelle fasi finali della malattia di Alzheimer. şir.

Il morbo di Alzheimer non è un destino, è una malattia che spesso si manifesta con l'avanzare dell'età. Durante il trattamento, le sostanze chimiche che diminuiscono nel cervello possono essere aumentate con i farmaci. I sintomi comportamentali ed emotivi possono essere gestiti con farmaci e metodi non farmacologici. Con cure e trattamenti adeguati, la qualità della vita dei pazienti affetti da Alzheimer può essere migliorata e l'aspettativa di vita può essere estesa.

leggi: 0