Problemi alla cartilagine (lesioni dell'astragalo)

Problemi alla cartilagine (lesioni dell'astragalo)

L'astragalo è la struttura ossea più importante che forma l'articolazione della caviglia. Forniscono il movimento dell'articolazione della caviglia con la superficie articolare che formano con l'estremità inferiore della tibia. Lo strato di cartilagine nell'astragalo è la superficie più importante per l'articolazione della caviglia. Gli strati cartilaginei dell'osso consentono la mobilità articolare in un ambiente ideale, grazie al fluido intrarticolare che secernono. La caratteristica più importante che distingue il tessuto cartilagineo dal tessuto osseo è la sua mancanza di capacità di guarigione. Il danno alla cartilagine è più comunemente osservato dopo un trauma alla caviglia. Tuttavia, è anche un problema riscontrato in pazienti senza una storia di traumi. Possono verificarsi soprattutto nell'uso di cortisone, in alcune malattie del sangue familiari e nelle malattie reumatiche.

In caso di problemi alla cartilagine, i pazienti sviluppano disturbi come limitazione dei movimenti articolari, dolore, sensazione di eiaculazione e sensazione di blocco. Man mano che il problema progredisce, si verificano anche problemi come la diminuzione della distanza percorribile e il gonfiore. Esami come radiografia, risonanza magnetica e tomografia possono essere utilizzati nella diagnosi. Questi metodi sono necessari per determinare lo stadio della malattia e anche per pianificare il trattamento.

Negli ultimi anni sono stati utilizzati due nuovi prodotti per il trattamento dei problemi della cartilagine. Uno di questi prodotti è il glucosaminoglucano condroitin solfato. Questo principio attivo è uno degli ingredienti principali presenti nella struttura della cartilagine. L'obiettivo è aumentare la qualità della cartilagine nell'uso a lungo termine.

Il secondo prodotto è l'acido ialuronico, che viene utilizzato per il suo effetto lubrificante sull'articolazione e per ridurre il dolore. Questa applicazione, che viene eseguita come iniezioni intrarticolari, deve essere applicata nell'articolazione una volta alla settimana per 3-5 settimane. Anche la terapia fisica e la riabilitazione hanno un ruolo nei pazienti in fase iniziale. Il primo metodo nel trattamento chirurgico sono le tecniche artroscopiche. L'intervento artroscopico è un trattamento chirurgico eseguito inserendo la caviglia attraverso mini incisioni praticate in 2-3 punti, accompagnati da una telecamera. Lo scopo è alleviare il dolore creando un falso tessuto cartilagineo sulla parte danneggiata della cartilagine utilizzando metodi di microfrattura. La percentuale di successo di questi metodi è di circa il 75-80%.

Nei casi avanzati (difetti superiori a 1 cm), vengono utilizzati metodi di chirurgia aperta. Mosaicoplastica (la cartilagine intatta prelevata dal ginocchio viene trasferita alla caviglia) mentale) si può ricorrere all’allotrapianto (trapianto di cartilagini prelevate da cadaveri). Inoltre, il trapianto di cartilagine può essere eseguito producendo cartilagine nel laboratorio genetico utilizzando un metodo genetico ricavato dalle cellule cartilaginee del paziente, che non è stato ancora implementato nel nostro paese.

leggi: 0