Gravidanza e vene varicose

A causa della pressione dell'utero, che cresce con la gravidanza, sulle vene principali nelle sue immediate vicinanze (vene iliache e vena cava inferiore), le valvole venose delle gambe iniziano a deteriorarsi, le vene si dilatano e le pareti delle vene perdono la loro resistenza e si espandono.

Come risultato di questi sviluppi, si verifica una gravidanza. Alla fine si verificano vene varicose e insufficienza venosa, la maggior parte delle quali sono permanenti.

Se ci sono presentavano vene varicose prima della gravidanza e, anche se non avevano vene varicose, se i genitori con segni di predisposizione genetica avevano una storia di vene varicose, insufficienza venosa e coagulazione intravascolare, queste persone avranno vene varicose durante o dopo la gravidanza. sapere che potrebbero verificarsi problemi seri.

FATTORI CHE INFLUENZANO LA FORMAZIONE DI VARICORI E COAGULI DURANTE LA GRAVIDANZA:

Se l'aumento dell'appetito dovuto a ragioni sia ormonali che psicologiche durante la gravidanza causa un peso eccessivo guadagno, il tasso di sviluppo delle vene varicose aumenta in modo esponenziale. Per questo motivo, se la gravidanza inizia con un peso vicino al peso ideale e il peso viene controllato secondo le raccomandazioni del ginecologo che segue la gravidanza, è possibile eliminare le vene varicose con il minimo danno. Durante la gravidanza non si dovrebbero prendere in media più di 11-12 chili. Ancora una volta, l’aumento dell’assunzione di sale durante la gravidanza, la diminuzione della mobilità nelle fasi successive della gravidanza e la mancanza di una deambulazione regolare portano allo sviluppo di vene varicose e forse di insufficienza venosa, che potrebbero trasformarsi in seri problemi di salute per la madre in futuro. essere esaminati con esami quali l'esame di chirurgia cardiovascolare e, quando necessario, l'ecografia Doppler venosa e la venografia. Se una qualsiasi di queste malattie viene rilevata prima della gravidanza pianificata, sarebbe meglio trattarla con diversi metodi e far sì che la gravidanza avvenga dopo questa fase di trattamento. Se le vene varicose esistenti vengono ignorate prima della gravidanza, potrebbero trasformarsi in vene varicose che potrebbero richiedere un intervento chirurgico dopo la nascita e queste vene varicose potrebbero anche essere sintomi della malattia da insufficienza venosa sottostante. I disturbi circolatori dovuti all'insufficienza venosa provocano la coagulazione delle vene profonde e superficiali, più frequentemente nelle donne in gravidanza, e rappresentano un pericolo per la madre e il bambino, pertanto le vene varicose devono essere trattate prima della gravidanza.

Le più sfortunate esiti di insufficienza venosa per le donne in gravidanza. Si tratta spesso di coaguli e infiammazioni delle vene superficiali (tromboflebiti) e di trombosi venosa profonda, cioè "coaguli venosi profondi". In alcuni pazienti affetti da trombosi venosa profonda, può svilupparsi un coagulo originato dalle vene delle gambe nei polmoni, chiamato embolia polmonare, che è una grave malattia vascolare che può essere fatale. Il rischio di trombosi venosa profonda aumenta di 5 volte durante la gravidanza e di altre 5 volte durante il puerperio, raggiungendo 10 volte il tasso normale.

I sintomi clinici della trombosi venosa profonda sono dolore e gonfiore alle gambe seguiti da difficoltà di respirazione, respiro accelerato, mancanza di respiro, sudorazione. Si manifesta sotto forma di tosse con sangue, tosse, svenimento, dolore toracico, improvvisa insufficienza cardiaca destra e bassa pressione sanguigna. L'embolia polmonare dovrebbe essere presa in considerazione in caso di improvvisa perdita di coscienza e di difficoltà respiratoria improvvisa e inspiegabile.

Un altro rischio importante per le donne è che la possibilità di trombosi venosa profonda aumenta in coloro che usano contraccettivi orali (pillola anticoncezionale). Al giorno d'oggi, i preparati a base di estrogeni e progesterone sono spesso utilizzati in menopausa per prevenire le malattie coronariche e l'osteoporosi, ed è stato dimostrato che questi preparati aumentano il rischio di trombosi venosa profonda. Il periodo più rischioso è la prima settimana dopo la nascita. La presenza di vene varicose, bere meno acqua, lunghi viaggi, gravidanze frequenti e multiple, inattività, obesità ed età materna avanzata aumentano ulteriormente il rischio di coaguli a distanza nelle donne.

Il paziente sopravvissuto all'embolia polmonare a causa di La trombosi venosa profonda può sopravvivere a lungo termine per il resto della vita. Possono verificarsi complicazioni come la sindrome posttromboflebitica, ulcere venose (ferite alle gambe) e ipertensione polmonare.

Un altro problema popolare è che i tacchi alti le scarpe, utilizzate come parte indispensabile dell'eleganza nelle donne, causano lo sviluppo di nuove vene varicose e comuni malattie delle vene profonde.

leggi: 0