Domande e risposte sulle malattie della cistifellea

Come si formano i calcoli biliari?

La bile, in particolare il colesterolo, la lecitina e i sali biliari, deve essere in un certo rapporto affinché questa miscela chimica in essa contenuta sia in forma liquida. Se cambiano i rapporti tra lecitina, colesterolo e sali biliari, il liquido si trasforma in solido. Quando questo rapporto viene interrotto nella bile in attesa nella cistifellea, iniziano a formarsi piccoli precipitati. Questi crescono nel tempo e formano calcoli.

Esistono diversi tipi di calcoli biliari?

Sì, i calcoli biliari contengono sostanze chimiche e differiscono a seconda dell'articolo . Le pietre verde scuro o nere sono pietre pigmentate. I calcoli del colesterolo sono gialli o color terra.

La formazione di calcoli biliari è comune?

Molto comune. Aumenta con l'età. Quando consideriamo tutti i decessi, i calcoli biliari si trovano nell'11-36%. Condizioni come l'obesità, la gravidanza e il morbo di Crohn aumentano lo sviluppo dei calcoli. È particolarmente comune nelle persone con malattie del sangue in cui il tasso di conversione dei globuli rossi è elevato. È tre volte più comune nelle donne che negli uomini.

Perché è più comune nelle donne?

Probabilmente è causato dagli ormoni, ma c'è non c'è una causa nota.

Perché è più comune nelle donne? p>

La formazione di calcoli biliari è correlata alle abitudini alimentari o allo stile di vita?

Probabilmente c'è. Ma non abbiamo raccomandazioni nutrizionali concrete per prevenirlo. Quindi, non possiamo dire che se lo mangi o no, puoi prevenire la formazione di calcoli biliari. La sua incidenza è maggiore nelle persone in sovrappeso, soprattutto in quelle che presentano una rapida perdita di peso in breve tempo. In sintesi, non esiste alcun modo per prevenire la formazione di calcoli nella cistifellea attraverso fattori esterni. Pertanto non è possibile prevenirlo.

Quali sono i sintomi dei calcoli biliari?

Alcuni calcoli formati nella cistifellea non causano alcun sintomi. Nella maggior parte dei casi, i pazienti non riescono ad associare il dolore alla scapola destra ai calcoli biliari descrivendolo come dolore muscolare o dolore all’inguine. Il segno più importante per chi mostra sintomi è il dolore. Dolore nella parte superiore destra dell'addome, solitamente grave, che dura diverse ore. A volte colpisce la schiena o la spalla destra. Gene Di solito inizia all'improvviso. È associato ai pasti e spesso si verifica dopo i pasti. Spesso si verificano nausea e vomito. Questi disturbi possono risolversi da soli o con i farmaci. Se il dolore supera le 24 ore, si deve considerare che il blocco è permanente. Quindi, uno dei sintomi è che i calcoli nella cistifellea passano ostruendo un punto. Il dolore persistente può significare che il calcolo sta bloccando il condotto d'ingresso della cistifellea. Se la pietra blocca il dotto della cistifellea, si verifica una colecistite acuta. Il 95% di questa malattia è dovuta ai calcoli biliari. In un tasso molto più basso, potrebbe anche essere dovuto a tumori. Questi pazienti spesso sperimentavano attacchi di dolore transitori. In questa situazione; È presente un dolore persistente moderato o più grave nella parte superiore destra dell'addome. Questo dolore si manifesta anche durante gli esami. È molto facile da capire. A volte, oltre al dolore, il paziente presenta una leggera febbre, perdita di appetito, nausea e vomito. Il dolore aumenta man mano che il paziente si muove e diventa più grave nel tempo. I calcoli della cistifellea possono simulare malattie cardiache e malattie dello stomaco. Uno dei nostri pazienti aveva un sintomo di dolore al collo, che è andato via dopo l'intervento chirurgico alla cistifellea, per nessun altro motivo.

Ci sono altri sintomi?

Un altro sintomo dei calcoli alla cistifellea sono i calcoli biliari, un ittero che si sviluppa perché la bile che esce dal fegato non riesce a raggiungere l'intestino e si accumula nel sangue perché fuoriesce dalla vescica e blocca il dotto biliare principale. È facile da diagnosticare a causa del forte dolore che accompagna. L'ittero compare pochi giorni dopo che il calcolo ha bloccato il dotto.

In pazienti con calcoli alla cistifellea; Spesso si osservano anche disturbi non specifici come gas nell'addome, fastidio dopo aver mangiato, sensazione di gonfiore, lieve nausea e contatto con il cibo.

Quali altre malattie provoca l'ostruzione causata dai calcoli della cistifellea?

I calcoli nella cistifellea e nel suo tratto sono strutture adatte affinché i microbi possano attaccarsi e riprodursi. Per questo motivo, la bile della maggior parte dei pazienti con calcoli contiene microbi. Questo di solito non causa problemi finché viene mantenuto il normale flusso biliare, ma se il calcolo provoca un blocco, questi microbi causano un’infiammazione dei dotti biliari, che può anche portare a un’insufficienza epatica, chiamata colangite. Potrebbe causare. Potrebbe anche causare una crescita microbica nel sangue. Potrebbero essere necessari un intervento urgente ERCP e un intervento chirurgico alla cistifellea e ai dotti. Un'altra importante malattia causata dall'ostruzione del dotto biliare è la pancreatite.

Come vengono diagnosticati i calcoli biliari asintomatici?

I calcoli della colecisti vengono diagnosticati mediante ecografia. 

Come vengono diagnosticati i calcoli biliari asintomatici?

I calcoli della colecisti vengono diagnosticati meglio mediante ecografia.

Dovrebbero essere rimosse queste pietre, che non sollevano alcun reclamo?

Questo è un problema molto importante. Questo dovrebbe essere discusso con il paziente. Non ci sono informazioni che i calcoli biliari silenti possano causare seri problemi. Ci sono opinioni diverse su questo tema. Secondo diversi studi, il rischio che causino problemi è di circa il 2% all'anno. In altre parole, il paziente può assumersi il rischio di malattie future dicendo: "Non ho lamentele. Quindi per ora possono restare lì. Se è così, causa problemi, lo farò rimuovere." Questo è uno degli approcci medici che oggi possono essere considerati corretti. Un’altra opzione è quella di agire in modo più aggressivo, partendo dal presupposto che il calcolo possa causare un problema serio in un momento inappropriato, ed eseguire un intervento chirurgico anche se non provoca alcun disturbo. Entrambi sono approcci corretti per oggi. Ma penso che il trattamento chirurgico dovrebbe essere un po’ più importante, soprattutto nei giovani. Il punto più importante qui è condividere queste informazioni e questi rischi con il paziente e prendere la decisione congiuntamente, ovvero garantire la partecipazione del paziente al processo decisionale.

Quali sono i metodi di trattamento?

Safra L'unico trattamento per i calcoli alla vescica è la rimozione chirurgica della cistifellea contenente il calcolo. In passato si è provato a trattare i calcoli renali con metodi come scioglierli con farmaci e romperli con strumenti simili ai calcoli renali. Ma si è scoperto che questi non funzionavano. Perché lì il problema non è la distruzione delle pietre; È una malattia della cistifellea stessa. Se il meccanismo principale non viene eliminato, i calcoli si formeranno nuovamente. Ad esempio, puoi sciogliere i calcoli con i farmaci – che è un metodo laborioso – ma Alcune settimane dopo, i calcoli si formano nuovamente nello stesso punto. Lo stesso vale quando si rompono le rocce. In realtà, non viene più applicato perché i calcoli rotti causano problemi più grandi. Pertanto, considerando che questi calcoli compaiono nella cistifellea, dove si trova la bile stagnante, piuttosto che nei dotti biliari principali, il il trattamento dovrebbe consistere nell'eliminare il luogo in cui si formano i calcoli. Se c'è un ulteriore problema, ad esempio se il calcolo ha bloccato l'estremità inferiore del dotto biliare principale, allora ovviamente è necessario applicare altri trattamenti aggiuntivi.


- HO DEI PIETRI NELLA CISTILIENA MA NON HO LAMENTI, DEVO OPERARE?

In passato i calcoli della cistifellea che non provocavano alcun sintomo non venivano operati. I rischi dell’intervento chirurgico erano più alti. I rischi dell'attesa oggi sono maggiori dei rischi di un intervento chirurgico.Poiché le malattie cardiache e polmonari si sviluppano con l'età, è più vantaggioso eseguire l'intervento precocemente, considerando che il rischio di un intervento chirurgico alla cistifellea aumenterà. Tuttavia, anche se non ci sono disturbi nei pazienti diabetici, l'intervento chirurgico dovrebbe essere eseguito precocemente.
 

È necessario un intervento chirurgico?
Non esiste un modo per eliminare o rompere i calcoli?

L'unico trattamento valido per i calcoli biliari è l'intervento chirurgico. A differenza dei calcoli renali, non esistono metodi di trattamento come la rottura e il passaggio. Quando vengono eliminati i calcoli biliari, si verificano altre malattie più gravi. (ITTERO, INFIAMMAZIONE DEL PANCREAS)

Devo rimuovere completamente la cistifellea o solo i calcoli nella cistifellea?

I calcoli biliari sono una malattia della cistifellea. Se venissero rimosse solo le pietre, dopo un po’ le stesse pietre si formerebbero di nuovo. Possiamo anche continuare la nostra vita normale senza cistifellea. Per questo motivo non esiste un trattamento come la semplice rimozione dei calcoli; La cistifellea viene rimossa insieme ai calcoli.

La rimozione della cistifellea non provoca una carenza nel corpo, giusto?

Sì, ma ovviamente, se c'è una malattia e non c'è nulla di male nel prenderlo se causa problemi. Altrimenti alcuni organi non vengono rimossi dal corpo solo perché non funzionano. Ci sono altri organi come la cistifellea, come l'appendice.

Si possono vedere i calcoli biliari nei bambini?

Sì, a una velocità bassa. Può essere visto anche nei bambini piccoli. Ma alla base di tutto ciò c’è spesso un disturbo anatomico o una malattia del sangue. Anche loro dovrebbero essere operati, proprio come gli adulti.

La paziente può essere operata se si verifica durante la gravidanza?

Se il calcolo la cistifellea viene rilevata casualmente durante la gravidanza, eventuali calcoli vengono rilevati durante questo periodo e non dovrebbe esserci alcun intervento. Tuttavia, se provoca complicazioni, l’intervento deve essere eseguito durante la gravidanza, indipendentemente dalla gravidanza. Questo intervento può essere eseguito anche nell'ultimo periodo della gravidanza.

Cosa succede se non mi sottopongo ad un intervento chirurgico?

Prima di tutto, la denuncia di l'indigestione continua. Peggio ancora, se i calcoli sono abbastanza piccoli (pochi millimetri) da lasciare la cistifellea e cadere nei dotti biliari, causano un blocco nel dotto biliare, con conseguente forte dolore e ittero. Quelli leggermente più grandi si bloccano. lo sbocco della cistifellea, causando gonfiore e infiammazione della cistifellea. Queste situazioni richiedono un intervento chirurgico d'urgenza.

-Quanto presto posso tornare al lavoro dopo l'intervento chirurgico?

Sebbene ci siano differenze tra i pazienti, nella chirurgia chiusa a volte è il 3° giorno, a volte è il primo giorno. Dopo una settimana, puoi tornare al lavoro dopo 10 - 15 giorni in chirurgia a cielo aperto.

Quanto tempo devo rimanere in ospedale se devo sottopormi ad un intervento chirurgico?

A meno che tu non abbia una malattia diversa dai calcoli biliari. Una degenza ospedaliera di 1 giorno è sufficiente per un intervento chirurgico chiuso e aperto.
 

Ci sarà un cambiamento nella mia vita se mi verrà rimossa la cistifellea?

No, non ci sarà alcun cambiamento. . Dopo l'intervento, il fegato assume il compito della cistifellea. La bile necessaria per la digestione dei grassi viene rapidamente prodotta nel fegato e rilasciata nell'intestino senza essere immagazzinata. Durante questo processo di adattamento si può avvertire una temporanea indigestione. Durante questo periodo viene applicato il trattamento farmacologico. Una volta che il corpo si è abituato alla nuova situazione, non sono più necessari altri farmaci.

È necessaria una medicazione dopo l'intervento?

Un giorno dopo l'intervento, la medicazione viene rimossa e la ferita viene lasciata aperta e asciutta. Non è assolutamente consentito vestirsi. Le medicazioni applicate su una ferita pulita, asciutta e sterile possono danneggiare le cellule epiteliali in via di guarigione e causare l'ingresso di microbi nella ferita dall'esterno.

Scrivete una prescrizione dopo l'intervento chirurgico?

leggi: 0