rettocele

COS'È IL RETTOCELE? È una condizione riscontrata nelle donne, dovuta all'espansione e al rigonfiamento della parte dell'intestino vicina all'ano, dove le feci riempiono la zona rigonfiata e il paziente evacua le feci in modo incompleto.

QUALI SONO I SINTOMI E I RECLAMI DEI PAZIENTI? ? I pazienti affermano di soffrire di stitichezza da molti anni, di fatto hanno addirittura dimenticato come defecare normalmente perché ci sono abituati da molti anni e pensano che ogni persona che dice di essere stitica stia vivendo ciò che sta vivendo. I medici, quando interrogati sulle lamentele del paziente riguardo alla densità della clinica affollata e all'esitazione del paziente, trovano che il risposta del paziente "stitichezza" sufficiente e prescrivere farmaci. I pazienti hanno utilizzato questi farmaci e tisane più volte per molti anni; Prendono la ricetta impotente e se ne vanno. La speranza che un giorno un medico diagnostichi i disturbi dei pazienti che non riescono a descrivere completamente è il motivo per cui si recano di nuovo in un altro ospedale. La domanda chiave è la risposta alla domanda su quanto tempo e come il paziente è stato stitico. Questa domanda è un raggio di speranza per il disagio del paziente, che egli comunque non riesce a definire, ma non è sufficiente a descriverlo. Defecare su un paziente non ti rilassa? I pazienti con rettocele aspettano che il medico chieda se possono eiaculare completamente in una volta, se vanno in bagno frequentemente in modo intermittente e se possono defecare solo una piccola quantità alla volta. Guardano con gioia e felicità il medico che pone queste domande, i loro occhi brillano e per il paziente sorge un raggio di speranza; Il resto comincia a raccontarlo al suo medico con eccitazione ed entusiasmo. L'ultima domanda che il medico porrà è una domanda che non può essere posta al paziente senza chiedere e che difficilmente avrà valore diagnostico per il medico. – Ti aiuti con la mano o con il dito per espellere le feci mentre defechi? – La risposta che non si può dire se non chiedendo, che fa vergogna, e che nel momento in cui fai la domanda, guarderà la segretaria e l'infermiera nell'ambulatorio e poi timidamente, a testa bassa, è "SÌ". Ora il paziente è sollevato e la parte difficile è finita. L'esame è insufficiente per la diagnosi. La diagnosi non viene effettuata mediante rettoscopia e colonscopia. Lo strumento diagnostico più importante inizia ad essere abbandonato. Il metodo utilizzato è il metodo "DEFECOGRAFIA", considerato il metodo antico perché sono stati sviluppati apparecchi più moderni: la purea di patate bollite mescolata con bario, che non trasmette raggi X, viene inviata nell'intestino del paziente, attraverso l'ano, attraverso una sottile cannula. Al paziente viene detto di defecare acquisendo immagini simultanee e durante la defecazione si vedono all'esame microscopico i movimenti dell'intestino, le sue pieghe, le angolazioni, le aree di rigonfiamento, se presenti, l'intussuscezione e il prolasso dell'intestino. RETTOCELE - Il rigonfiamento avviene durante la defecazione e lo sforzo nell'ultima parte dell'intestino, mostrata nel cerchio in figura, e le feci fuoriescono dal loro percorso normale. La figura RECTOCele è la normale immagine DEFECOGRAFIA. L'angolazione intestinale durante la defecazione, durante lo sforzo e il riposo, lo stato pieno e vuoto dell'intestino e se l'intestino si gonfia da un lato durante la defecazione forniscono informazioni preziose per la diagnosi. La defecografia non è richiesta dai medici perché è un metodo vecchio. Tuttavia, non esiste altro metodo che possa sostituire questo esame. RETTOCELE La figura mostra un intestino rigonfio. Questi pazienti non riescono a evacuare completamente durante la defecazione e si stancano dopo essersi sforzati a lungo. Escono dalla toilette con la sensazione di eiaculazione insufficiente o incompleta e, dopo aver camminato e aspettato un po', entrano nella toilette con il desiderio di defecare di nuovo.

leggi: 0