Fratture della caviglia

Fratture della caviglia

L'articolazione della caviglia è un'articolazione costituita dall'osso della tibia (stinco), dal perone e dall'astragalo.

Il punto finale del perone è la sporgenza esterna della caviglia. (malleolo laterale), il punto terminale della tibia è la sporgenza interna della caviglia (malleolo mediale). Quando le fratture della caviglia coinvolgono un solo malleolo, sono chiamate fratture unimalleolari, mentre quando coinvolgono entrambi i malleoli, sono chiamate fratture bimalleoli. Nella caviglia, se si verifica una frattura sulla superficie articolare tra la tibia e l'astragalo, si parla di frattura del pinone.

In tutte le fratture, l'entità della separazione della frattura, se si estende alla superficie articolare e se sono presenti problemi ai legamenti associati saranno efficaci nella pianificazione del trattamento della frattura. Il trattamento chirurgico sarebbe appropriato per le fratture scomposte (dissociate) in più parti accompagnate da problemi ai legamenti che si estendono all'articolazione della caviglia.

Processo di trattamento:

Nelle fratture seguite da intonacatura, a seconda dal tipo di frattura. Potrebbe esserci un periodo di 2-6 settimane senza aumentare di peso. Per le fratture operate, questo periodo è di circa 4 settimane. Sarebbe opportuno iniziare un programma di terapia fisica e riabilitazione per avviare e regolare il movimento della caviglia dopo la rimozione del gesso. Sebbene siano necessari circa 3 mesi affinché il piede ritorni completamente alle sue normali funzioni nei pazienti trattati senza intervento chirurgico, questo periodo può estendersi fino a 6 mesi nei pazienti operati.

leggi: 0