Influenza suina

Cos'è l'influenza suina?
È una malattia respiratoria causata dal virus dell'influenza A (H1N1) del gruppo influenzale A che provoca la malattia nei maiali
e nell'uomo. Viene anche chiamata influenza pandemica. La malattia è stata riscontrata per la prima volta nell'aprile 2009 in Messico, poi negli Stati Uniti e poi si è diffusa in molti paesi.

Qual ​​è la differenza rispetto all'influenza osservata nei mesi invernali (influenza stagionale)?
Il virus dell'influenza A (H1N1) è simile ad altri virus influenzali che si osservano principalmente nei mesi invernali. Anche il modo in cui la malattia viene trasmessa e i suoi sintomi sono simili. Tuttavia, il virus dell'influenza A(H1N1)
ha una caratteristica genetica che colpisce gli uccelli, i maiali così come gli esseri umani e può diventare più pericoloso subendo un cambiamento di tipo, che noi chiamiamo mutazione.

Cosa sono i sintomi?

Quali sono i sintomi?

p>

• I sintomi di questa influenza sono simili a quelli dell'influenza stagionale osservati negli esseri umani.
• Febbre (38 gradi e oltre)
• Tosse,
• Mal di gola,
• Comune dolore corporeo,
• Mal di testa,
• Brividi – brividi
• Stanchezza, sensazione di debolezza
• Si possono osservare vomito e diarrea.

Simile all'influenza stagionale, questa Nell'influenza, la gravità della malattia può variare da lieve a grave. La malattia
colpisce soprattutto la fascia di età giovane e di mezza età. Progredisce più gravemente nei soggetti con problemi di salute cronici e in quelli con bassa resistenza corporea
.

Contagività!

Il virus dell'influenza A (H1N1) è contagioso e, come gli altri virus stagionali agenti influenzali, possono facilmente diffondersi da persona a persona
/> possono passare. Si trasmette da persona a persona attraverso goccioline contenenti virus che di solito si diffondono durante la tosse o gli starnuti. Può essere contratto direttamente attraverso strette di mano, baci, abbracci e contatti ravvicinati, oppure può anche essere preso da superfici inanimate come maniglie delle porte, tavoli, sedie, telefoni, interruttori della luce, ecc.

Diagnosi

La diagnosi viene effettuata mediante test PCR (Polymerase Chain
Reaction polymerase chain revolution) del tampone nasale secondo gli standard definiti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Cosa bisogna fare prevenire la contaminazione?
Le persone malate possono essere diagnosticate non appena compaiono i sintomi, sono contagiose dal giorno prima fino a 7 giorni dopo. Questo
Dovresti riposare per un periodo di tempo e il contatto con altre persone dovrebbe essere limitato.

Evitare il contatto con persone malate è un metodo di protezione appropriato, poiché si trasmette da persona a persona attraverso mezzi come starnuti e tosse.

Se necessario, indossare una maschera.

Anche il lavaggio delle mani è molto importante per la protezione. Toccarsi gli occhi, il naso e la bocca con le mani sporche può diffondere
virus. Le mani devono essere lavate con acqua e sapone, soprattutto dopo aver starnutito o tossito.

Nei luoghi in cui acqua e sapone non sono disponibili, i disinfettanti per le mani contenenti alcol possono essere utilizzati per strada, nei trasporti pubblici, nei centri commerciali , e nelle scuole.
/p>

Quando si tossisce o si starnutisce, la bocca e il naso devono essere coperti con un fazzoletto usa e getta e poi il fazzoletto deve essere gettato via.

Il luogo deve essere essere ventilato frequentemente.

Dovrebbero essere assunti molti liquidi, dovrebbe essere consumato più cibo contenente frutta e verdura fresca, si dovrebbe prestare attenzione ad una buona alimentazione e al riposo.

Raccomandazioni per il trattamento di l'Organizzazione Mondiale della Sanità e il Ministero della Salute;

Terapia di supporto: quando la malattia è lieve. Se le persone non rientrano nel gruppo a rischio, non è necessario il ricovero
o il trattamento antivirale.

Si consiglia di ridurre la febbre: farmaci antidolorifici, aumentare l'assunzione di liquidi e riposare. Gli antibiotici
non devono essere utilizzati per la profilassi.

Gruppi che necessitano di ricovero ospedaliero e devono essere utilizzati farmaci antivirali;

Il trattamento dei soggetti appartenenti al gruppo a rischio e dei casi gravi o complicati è possibile con ricovero ospedaliero e farmaci
antivirali. Dovrebbe essere iniziato il prima possibile.

Gruppi a rischio

• Donne incinte.
• Coloro la cui malattia progredisce rapidamente e gravemente.
• Quelli con polmonite.
• Sotto Quelli con altre malattie di base.

Dovrebbe essere somministrato il vaccino contro l'influenza suina?
Sebbene questo virus, che attualmente è causando un'epidemia, non è pericoloso, ha il potenziale di mutare e cambiare tipo in futuro e causare epidemie mortali molto gravi. L'Organizzazione Mondiale della Sanità e il Ministero della Salute ritengono che sia utile somministrare vaccini contro l'influenza A (H1N1 ), soprattutto a partire dai gruppi a rischio.

Influenza suina (A / Cos'è l'H1N1?
L'influenza suina è una malattia virale che provoca malattie nell'uomo, causata dal virus di tipo A (H1N1). Questo
virus è un misto di virus umani, suini e uccelli.

Quali sono i sintomi dell'influenza suina (A/H1N1)?
È simile ai sintomi dell'influenza stagionale visto negli esseri umani. Questi sono:

• Febbre,
• Mal di testa
• Mal di gola,
• Tosse,
• Brividi
• Dolore diffuso in tutto il corpo,< br /> br /> • Affaticamento
• In alcuni casi possono verificarsi anche vomito e diarrea

Il virus dell'influenza suina (A/H1N1) è contagioso?
L'influenza suina A (H1N1) il virus è contagioso e può essere trasmesso da persona a persona

Come si trasmette l'influenza suina (A/H1N1)?
Si ritiene che l'influenza suina si diffonda allo stesso modo dell'influenza stagionale. I virus influenzali si trasmettono da persona a persona
attraverso la tosse e gli starnuti. La malattia può essere trasmessa anche quando le mani vengono portate alla bocca o al naso dopo aver toccato un luogo infetto dal virus dell'influenza.

Come viene diagnosticata l'influenza suina alle persone?
Analisi dei campioni di tampone prelevati dal naso o dalla gola in un ambiente di laboratorio. In questo modo

viene effettuata la diagnosi.

Qual ​​è il gruppo a rischio più colpito dall'influenza suina?
Neonati (sotto i due anni), donne incinte, anziani di età superiore ai 65 anni, pazienti con malattie croniche Le persone con insufficienza epatica e renale e quelle con un sistema immunitario debole costituiscono il gruppo a rischio più colpito.

È sufficiente vaccinarsi contro l'influenza stagionale per proteggersi dall'influenza suina?
No.

Chi dovrebbe vaccinarsi contro l'influenza suina?
Gruppi a rischio che potrebbero avere una infezione grave, il personale sanitario e le persone che si recheranno in paesi in cui i decessi dovuti all'influenza suina sono elevati dovrebbero ricevere questo vaccino.

Esistono farmaci che trattano l'influenza suina (A/H1N1)?
Sì . Esistono farmaci che possono essere utilizzati sotto la supervisione di un medico per curare l'influenza suina o per prevenire questa malattia. Questi farmaci non dovrebbero mai essere usati senza prescrizione medica, a meno che non siano consigliati da un medico.

L'uso dei farmaci allevia il decorso della malattia e può fornire una guarigione più rapida. È. Inoltre, si previene lo sviluppo di gravi complicazioni. I farmaci antivirali dovrebbero essere iniziati entro i primi 2 giorni dalla comparsa dei sintomi

Per quanto tempo le persone infette dalla malattia sono contagiose?
Le persone sono contagiose un giorno prima e 7 giorni dopo la comparsa dei sintomi. Questa situazione può essere espressa in circa 7 giorni negli adulti e 12 giorni nei bambini.

Le situazioni che richiedono assistenza medica di emergenza nei bambini sono le seguenti:

• Oltre ai sintomi simil-influenzali , febbre e tosse forte
• Respirazione accelerata o difficoltà respiratoria
• Irrequietezza
• Colore della pelle bluastro
• Incapacità di svegliarsi o di rispondere agli stimoli
• Incapacità di bere liquidi sufficienti
• Eruzione cutanea

Le situazioni che richiedono assistenza medica urgente negli adulti sono:

• Vertigini improvvise
• Stato confusionale
• Dolore o pressione nel torace o nell'addome
br /> • Difficoltà di respirazione o mancanza di respiro Può contaminare superfici come
. Se una persona tocca un luogo contaminato dal virus e poi si tocca la bocca, gli occhi o il naso, il virus può essere trasmesso. Ci sono molti fattori come la temperatura, il tasso di umidità e la qualità della superficie che influenzano la durata della sopravvivenza del virus su queste superfici. Queste
superfici con cui la persona malata è venuta a contatto non devono essere toccate e, se toccate per qualsiasi motivo, devono essere lavate le mani.

Il virus dell'influenza suina (A/H1N1) può essere trasmesso attraverso l'acqua?
A seconda dei risultati della contaminazione dovuta al consumo, all'uso e all'acqua della piscina

Cosa bisogna considerare quando si puliscono case e mobili?
Per prevenire la diffusione del virus dell'influenza, ogni giorno pulizia delle superfici (tavoli, maniglie delle porte, superfici del bagno, piani cucina, giocattoli, ecc.) È sufficiente pulirlo con i detergenti utilizzati. Oltre ai detergenti che utilizziamo quotidianamente
, sono efficaci anche alcuni
prodotti chimici come cloro, perossido di idrogeno, antisettici allo iodio e alcol.

Lenzuola, biancheria intima, asciugamani e utensili dovrebbero essere tenuti separatamente. Non è necessario lavarlo. Tuttavia, questi
articoli non devono essere utilizzati da nessun altro senza essere lavati. Questi teli vanno maneggiati e lavati il ​​più possibile senza toccarli con le mani. Dopo aver cambiato le lenzuola e la biancheria intima del paziente, le mani devono essere lavate con acqua e sapone. Gli utensili del paziente devono essere lavati in lavastoviglie o a mano utilizzando un detersivo.

Come possiamo proteggerci dall'influenza suina (A/H1N1)?
Prendendo le seguenti precauzioni, non solo influenza; Puoi proteggerti
da tutte le malattie respiratorie come l'influenza:

• Copri bocca e naso con un fazzoletto quando tossisci e starnutisci. Gettare il fazzoletto nel cestino dopo l'uso
• Lavarsi le mani con abbondante acqua e sapone dopo aver tossito e starnutito. Sono efficaci anche gli antisettici contenenti alcol per il lavaggio delle mani

• Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani sporche
• Se si prende l'influenza suina, attendere 7 giorni dalla comparsa dei sintomi o uno giorno dopo che i sintomi
scompaiono completamente.
• Stai lontano dalle persone intorno a te per evitare che la malattia si trasmetta. Dovresti lavarlo con acqua e sapone. È possibile utilizzare antisettici per le mani contenenti alcol
nei luoghi in cui non è possibile raggiungere acqua e sapone.

Influenza suina (A/H1N1)
Dovremmo essere condannati e influenzati dal vento del panico ? Oppure dovremmo agire come individui coscienti?

Ciò a cui dobbiamo prestare attenzione come individui è comprendere l'importanza dell'igiene...

Questa è una questione importante non solo in " periodi tempestosi" in cui le malattie vengono alla ribalta, ma in ogni momento della nostra vita< br ​​/> devono avere un posto... Le nostre abitudini di pulizia, che sembrano semplici e che la maggior parte di noi presume di conoscere, ma purtroppo vengono fatte superficialmente in pratica... Tuttavia, se ogni individuo presterà un po' più di attenzione all'igiene personale, incontreremo esempi negativi nella società e diminuiranno automaticamente. Pertanto,
la "lista delle cose da considerare", menzionata a grandi caratteri nel titolo dell'ordine del giorno, è già presente nella nostra
vita.

leggi: 0